Accedi al sito
Serve aiuto?

Artro-RM/Artro-TC

Grazie alla mia esperienza “torinese” presso il reparto diretto dal dott. Carlo Faletti (Azienda CTO-Maria Adelaide, Torino), insigne radiologo rinomato per la sua enorme esperienza in radiologia muscolo-scheletrica e sportiva, nonché consulente radiologo di diverse squadre sportive di altissimo livello, quali Juventus F.C. e Torino F.C nel calcio. e squadre di serie A di diverse discipline, ho acquisito le competenze mediche e tecniche per effettuare quello che è ritenuto il “cavallo di battaglia” dei radiologi del reparto di Faletti, e cioè l’artro-RM delle varie articolazioni.
L’esame artro-RM è un esame identico alla RM di base, con la differenza che il paziente, poco prima della procedura, viene “punto” tramite un ago di calibro diverso a seconda dell’articolazione da studiare, al fine di introdurre nella capsula articolare un mezzo di contrasto a base di gadolinio fortemente diluito in una soluzione fisiologica che serve ad ampliare enormemente le possibilità diagnostiche della RM di base, per cui tale esame è sempre più richiesto dagli specialisti ortopedici particolarmente versati in artroscopia, specie di spalla, dal momento che l’esame RM di base della spalla è praticamente inefficiente circa la valutazione di strutture capsulo-legamentose, mentre mantiene un’elevata sensibilità e specificità nello studio dei tendini.
Quest’immagine sottostante mostra l’armamentario necessario per effettuare una procedura di artro-RM.
 

 
Nelle altre pagine descriverò le principali indicazioni e la tecnica artro-RM per le varie articolazioni

Complicanze eventuali dovute alla procedura Artro-RM:

L’artro-RM può causare sintomatologia dolorosa, complicanze di tipo allergico o flogistico (acuto o subacuto, solitamente limitato al momento dell’iniezione e al periodo immediatamente successivo) a carico dell’articolazione: solo in rarissimi casi queste complicanze possono teoricamente giungere a reazioni di tipo allergico o ad artrite settica, sino allo shock o a setticemia (processo infiammatorio generalizzato), ma a tutt’oggi non sono mai state descritte.

Artro-RM di spalla

 

   


Indicazioni:

  • sospette lesioni del cercine glenoideo (Bankart, SLAP, Perthes, GLAD, ecc.)
  • sospette lesioni dei legamenti gleno-omerali (LGOS, LGOM, LGOI)
  • sospette lesioni parziali (versante articolare) del tendine del sovraspinato, mal definibili all’esame RM di base.
  • segni clinici di micro-instabilità di spalla con esame RM basale negativo.
  • capsulite adesiva.
  • sospetta presenza di corpi liberi endo-articolari.


Tecnica di esame:

  • preparazione del paziente, sterilizzando la cute con Betadine ® o analogo disinfettante.
  • localizzazione per via palpatoria o per via eco-guidata del repere osseo (processo coracoideo)
  • introduzione dell’ago spinale (20 G) appena lateralmente al repere osseo.
  • iniezione tramite siringa pre-riempita con 20 mL di soluzione fisiologica mista a contrasto.
  • pulizia e mobilizzazione dell’arto al fine di riempire omogeneamente la capsula articolare.

Artro-RM di gomito
 

    

Indicazioni:

  • sospette lesioni del legamento collaterale ulnare (UCL) parziali e totali.
  • sospette lesioni del legamento collaterale radiale (RCL) parziali e totali.
  • sospetta osteocondrite dissecante.
  • sospetta frattura osteocondrale o condrale.
  • sospetta patologia plicale (frangia sinoviale)
  • sospetta presenza di corpi liberi endo-articolari.

Tecnica di esame:

  • preparazione del paziente, sterilizzando la cute con Betadine ® o analogo disinfettante.
  • localizzazione per via palpatoria del repere osseo (spazio articolare omero-radiale)
  • introduzione dell’ago tipo “butterfly (23 G) nello spazio precedentemente individuato.
  • iniezione tramite siringa pre-riempita con 3-5 mL di soluzione fisiologica mista a contrasto.
  • pulizia del sito sottoposto a puntura tramite garza imbevuta di Betadine ®
  • posizionamento di un cerotto nel sito di puntura e mobilizzazione dell’arto.

Artro-RM di polso
 

    

Indicazioni:

  • sospetta lesione di uno o più legamenti intercarpali intrinseci.
  • sospetta instabilità intersegmentale dorsale (VISI, DISI)
  • sospetta lesione del complesso della fibrocartilagine triangolare (TFCC).
  • sospetta lesione di uno o più legamenti intercarpali estrinseci.
  • sospetta presenza di corpi liberi endo-articolari.

Tecnica di esame:

  • preparazione del paziente, sterilizzando la cute con Betadine ® o analogo disinfettante.
  • localizzazione per via palpatoria del repere osseo (spazio articolare radio-carpico).
  • introduzione dell’ago tipo “butterfly (23 G) nello spazio precedentemente individuato.
  • iniezione tramite siringa pre-riempita con 3-5 mL di soluzione fisiologica mista a contrasto.
  • pulizia del sito sottoposto a puntura tramite garza imbevuta di Betadine ®
  • posizionamento di un cerotto nel sito di puntura e mobilizzazione dell’arto.

Artro-RM di anca
 

    

Indicazioni:

  • sospette lesioni del labbro acetabolare
  • sospette lesioni della cartilagine di rivestimento articolare
  • sospetto impingement femoro-acetabolare (tipo CAM, tipo Pincer).
  • sospetta presenza di corpi liberi endo-articolari.

Tecnica di esame:

  • preparazione del paziente, sterilizzando la cute con Betadine ® o analogo disinfettante.
  • localizzazione per via eco-guidata del repere osseo (spazio articolare femoro-acetabolare) ed introduzione dell’ago spinale (20 G) attraverso la guida collegata alla sonda ecografica.
  
  • iniezione tramite siringa pre-riempita con 20 mL di soluzione fisiologica mista a contrasto.
  • pulizia del sito sottoposto a puntura tramite garza imbevuta di Betadine ®
  • posizionamento di un cerotto nel sito di puntura e mobilizzazione dell’arto.

Artro-RM di ginocchio

 

    

Indicazioni:

  • ginocchio operato per meniscopatia o per condropatia.
  • sospetta osteocondrite dissecante.
  • sospetta patologia condrale fissurativa.
  • sospetta lesione del LCA dubbia alla RM di base.
  • sospetta presenza di corpi liberi endo-articolari.

Tecnica di esame:

  • preparazione del paziente, sterilizzando la cute con Betadine ® o analogo disinfettante.
  • localizzazione per via palpatoria del repere dopo ballottamento rotuleo.
  • introduzione dell’ago da 22 G (al di sotto della rotula) già collegato a siringa pre-riempita con 20-25 mL di contrasto misto a soluzione fisiologica.
  • pulizia e mobilizzazione dell’arto al fine di riempire omogeneamente la capsula articolare.

Artro-RM di caviglia
 

    

Indicazioni:

  • caviglia operata per patologia legamentosa o per condropatia.
  • sospetta osteocondrite dissecante.
  • sospetta patologia sinoviale proliferativa determinante conflitto.
  • sospetta presenza di corpi liberi endo-articolari.

Tecnica di esame:

  • preparazione del paziente, sterilizzando la cute con Betadine ® o analogo disinfettante.
  • localizzazione per via palpatoria del repere (spazio compreso tra tendine tibiale anteriore e tendine estensore lungo dell’alluce, a livello dell’articolazione tibio-tarsica).
  • introduzione dell’ago tipo “butterfly (23 G) nello spazio precedentemente individuato.
  • iniezione tramite siringa pre-riempita con 3-5 mL di soluzione fisiologica mista a contrasto.
  • pulizia e mobilizzazione dell’arto al fine di riempire omogeneamente la capsula articolare.

Casa di cura Morana S.r.l.
C.da Dara, 744/D - 91025 Marsala (TP)
Tel. 0923-745222
Radiologia convenzionale – Ecografia internistica – Ecografia mammaria – Ecografia muscolo-scheletrica – TC body – TC neuro – TC ed RM muscolo-scheletrica.